Terre Contese di PAN

Posted · Add Comment

In principio ci fu l’Ecatombe,

solo i nati da meno di un ciclo sopravvissero

e ereditarono Pan.

La fine fu il nuovo inizio

Quattro fratelli guidarono i figli della Madre

Il giusto, l’avido, il folle e l’ignavo

l’avido fu maledetto e esiliato al di la del mare

il folle fu maledetto e relegato nelle profondità della terra

l’ignavo fu maledetto e costretto a vivere senza patria

il giusto fu benedetto e godette della benedizione della Madre


 

Pan è un vasto continente, quello che rimane di un mondo andato avanti, dove la memoria del passato, della prima era dell’uomo si è persa, rimane solo il presente e un incerto futuro.

Mech n°1I  ghiacciai sono avanzati a dismisura a nord e a sud lasciando vivibile un’unica striscia di terra  nella quale a nord ovest il mare si insinua in un enorme golfo di forma quasi completamente circolare e dove al suo centro perfetto sorgono, o meglio fluttua la mastodontica città di SteelBound, o  come le chiamano gli uomini delle Terre contese l’Uovo, per via della sua forma. Un enorme struttura ovoidale visibile a centinaia di kilometri di distanza. La città di metallo produce costantemente un frastuono assordante, insopportabile a chi ci si avvicini a meno di 20 km da loro, prodotto dalle incessanti e misteriose macchine che lavorano nelle sue  viscere per far si che non sprofondino nel mare con tutti i loro abitanti. Tutto intorno sul mare e sull’atollo di li poco distante si estende il regno degli Uomini di Ferro Sviszaks un fiero popolo combattente e di grandi menti, depositario di grandi conoscenze mediche e tecnologiche, guidato da una monarchia su base militare. Sono alla costante ricerca di risorse per ampliare il loro arsenale, per foraggiare il loro esercito e per acquisire sempre più potere.

CAEG

A est, tra boschi montagne e fiumi e deserti si nascondono i territori degli Amnden, popolo fortemente legato alla natura, che custodiscono come fosse una madre bisognosa di aiuto, popolo fiero, diviso in dodici tribù governato da un organismo centrale, il consiglio dei Clan, dove ogni capo tribù rappresenta la sua parte di territorio. Ogni tribù ha le sue peculiarità e le sue leggi, alcune molto rigide, tanto da non avere nulla da invidiare a alle strettissime norme imposte agli uomini di ferro. Gli Amnden vivono in comunione con la natura, flora e fauna sono considerate parti della loro stessa anima, nella crescita di un buon Amn la ricerca del proprio totem è fondamentale, fino ad arrivare ad entrare in sincronia con essi, fino a poter fondere le loro anime quando necessario a difendere il proprio popolo e il proprio territorio. Non tollerano alcun insulto rivolto alla Madre, cosi chiamano Pan, e sono pronti a punire i trasgressori aspramente.

Laddove l’ambiente si fa inospitale, nelle grotte, nelle miniere abbandonate, più a sud dove i ghiacciai rendono la vita impossibile, la è  il territorio degli Abomini, un tempo umani ora qualcos’altro. Vivono nel sottosuolo, folli, rabbiosi, crudeli, votati alla lotta e alla caccia di esseri umani. Contaminati dal Grovsk sostanza rara, ottimo combustibile, ma le ripetute esposizioni lo rivelano per quello che è, un parassita che entra a far parte dell’ospite fino a quasi soppiantarlo, rendendolo si via via più forte, ma tra indicibili dolori e al prezzo degli ultimi barlumi di sanità. Solo ai più forti Abomini è permesso di intraprendere il cammino della Mutazione. Non esiste una vera forma di governo, ma solo il più forte guida gli altri secondo il suo capriccio. Non esiste una discendenza diretta per gli Abomini, praticamente incapaci di riprodursi, per questo motivo catturano i propri nemici più forti per trasformarli e rimpinguare le loro fila.

Alpha Abominium

Tutto il resto di Pan è costituito dalle Lande Contese, ampi territori, devastati dalle centenarie battaglie che funestano questo sfinito mondo e che coinvolgono i tre popoli che lo abitano. Sono popolate da i Reietti, tutti coloro che per un motivo o un altro sono stati esiliati o sono fuggiti in cerca di una vita migliore. Le Lande Contese sono un territorio pericoloso, facile trovarsi coinvolti in dispute tra popoli rivali o preda di gruppi di sciacalli pronti a uccidere per un tozzo di pane. I Reietti talvolta si associano tra loro in piccoli gruppi o addirittura costituendo delle proprie città stato, è il caso del Popolo Libero della Valle Bianca o delle Iene Grigie.. e chissà quanti altri.

Pan è un continente vivo, sempre sull’orlo di una guerra globale per il suo controllo, sarai un Amn, pronto a difendere Pan a costo della vita dalle orde di Abomini e dalle armate di Uomini di ferro, o uno Sviszaks che alla guida delle sue unità cerca di andare nel mondo esterno per reperire combustibile o cercare di creare un avamposto nelle terre a est per procacciare cibo per le proprie genti affamate, o un Abominio cieco di rabbia e guidato solo dalla fame e sete di distruzione? O ancora un Reietto alla ricerca del proprio scopo nella vita?

Sarai colui che conquisterà Pan?

Terre Contese di Pan è un progetto per la creazione di un ambientazione per il gioco di ruolo Musha Shugyo. Nato quasi per caso nelle giocate con il mio gruppo di amici mi sono ben presto reso conto che dietro ogni scontro, dietro ogni nuova città il mondo stava prendendo vita e insomma non sono più riuscito a fermare la mia immaginazione. Con la collaborazione di Luca De Marini e i suoi preziosi consigli sto procedendo alla stesura dell’ambientazione, che spero possa essere avvincente e vasta tanto da poter permettere a tutti i giocatori, qualunque sia il loro stile di vivere al massimo l’esperienza di gioco di Musha Shugyo, scegliendo la propria Via del Guerriero.

Oltre all’aspetto puramente estetico e narrativo, con l’ambientazione mi propongo di implementare il già esistente sistema di gioco e le sue notevoli espansioni free recentemente uscite, con nuove meccaniche sociali per i gruppi di giocatori che varieranno a seconda del popolo scelto, l’introduzione di nuovi simboli legati all’etnia di appartenenza o al gruppo di cui si fa parte, nuove meccaniche di combattimento in scala e per combattimenti massivi in modo da poter giocare anche battaglie campali e combattimenti in stile Mosou.

Per ora il progetto è ancora in fase iniziale e artigianale per così dire, sto cercando per quanto possibile di produrre anche delle piccole illustrazioni per permettere a chi fosse interessato di rendersi conto anche visivamente di ciò che scrivendo. Se il progetto poi dovesse essere di vostro gradimento io mano a mano che procederò nello sviluppo proporrò dei piccoli aggiornamenti con i quali presenterò i vari popoli e altre caratteristiche interessanti del Setting.

Vi ringrazio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Solve : *
20 ⁄ 5 =


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
 
%d bloggers like this: