Ancient Wrath: l’ira degli Antichi Dei

Posted · Add Comment

Abbiamo lasciato qualche indizio precedentemente sulla Pagina Facebook di Musha Shugyo RPG, ma ne abbiamo parlato tantissimo nell’omonimo Gruppo FB. Parliamo ora un po’ anche pubblicamente di Ancient Wrath, una delle più interessanti espansioni in lavorazione per Musha Shugyo!

Tanto per cominciare, cos’è un Setting Pack? Si tratta di un’espansione per MS che si focalizza su di un’ambientazione in particolare (mentre MS, di base, è dichiaratamente multiambientazione), approfondendone alcuni punti chiave, scenari, motivazioni dei personaggi ed aggiungendo tanti nuovi protagonisti e antagonisti! In un setting pack si potranno trovare spesso nuove regole d’ogni genere, non limitandosi semplicemente ad eventuali nuovi simboli. In alcuni SP si userà Musha Shugyo anche solo come motore di combattimento, altri saranno parecchio più aderenti al gioco base.

Cathedral-of-Ancient-Gods-fantasy-23074046-600-450

Ancient Wrath parla delle divinità antiche e dimenticate. Divinità che ormai non venera più nessuno o che vengono ricordate solo da pochissimi individui… che fine fanno gli Dei, quando tutti si dimenticano di loro, iniziando a venerare altre entità paranormali? Finiscono nell’aldilà, in altrettanti micro-universi simili a paradisi o inferi, all’interno dei quali continuano a regnare sulle anime dei loro fedeli ormai estinti. Nessuno di loro ha più la forza di manifestarsi in questo mondo, privato della forza della Preghiera: una vera e propria forma di energia, talvolta positiva, altre volte profondamente malvagia e negativa. Più simile al terrore che alla venerazione vera e propria.

Ma per un Dio questo non ha importanza. Ciò che conta è che si creda in lui e che lo si veneri o lo si tema profondamente. Nell’aldilà il concetto di tempo e di spazio non ha significato rispetto a quello che conosciamo noi mortali ed esiste una divinità che è sempre stata temuta e talvolta venerata da tutte le forme di vita dell’Universo mortale. Fin dai tempi antichi, persino al giorno d’oggi… nessuno ignora la Morte. Nessuno può fare a meno di temerla. La Morte, il Dio più potente di tutti, governatrice dell’intero macro-Universo dell’oltretomba, ha deciso di fare un gioco con il pianeta Terra e con gli Dei che da esso sono scaturiti, in millenni e millenni di venerazione dei mortali.

I più motivati tra gli antichi Dei potranno prendere forma fisica ed allontanarsi dal loro Universo personale per viaggiare in quello delle altre divinità. Potranno, protetti dal potere della Morte stessa, che prevarica gli universi, il tempo e lo spazio, viaggiare per i paradisi e gli inferni del Cosmo, alla ricerca degli altri Dei. Così da poterli sfidare e dimostrare in questo modo il proprio valore. Solo il più meritevole tra gli antichi Dei avrà, infine, il diritto di sfidare gli Dei attualmente in “vita” nel mondo mortale. Per questa occasione, tali divinità defunte potranno ottenere in prestito il potere della Morte stessa, recuperando tutti i loro antichi doni e miracoli!

Il vincitore di questa terribile prova potrà, in fine, tornare nel mondo materiale per un brevissimo periodo di tempo, dimostrando ai mortali i propri poteri e la propria forza. Così da ottenere nuovi accoliti che lo venerino. Così da poter risorgere.

Questa è, a grandi linee, la trama di Ancient Wrath, setting fortemente ispirato al picchiaduro tutto italiano per DOS: Pray for Death. Niente personaggi leggendari, tuttavia, in quest’ambientazione la cui trama è comunque molto diversa dal videogioco appena menzionato. Solo divinità ed un viaggio straniante tra altri mondi pazzeschi, popolati da antiche civiltà, alcune delle quali non sanno neppure di essere estinte.

Le immagini qui rappresentate non sono originali e non sono direttamente inerenti al gioco. Quelle originali verranno sviluppate man mano 🙂
Nel frattempo, nel gruppo Facebook iniziano ad apparire le prime bozze di schede (con illustrazioni non originali) dei Personaggi. Tuttavia, ci saranno almeno alcune nuove meccaniche interpretative e narrative di cui tenere conto, quindi non è detto che l’aspetto delle schede rimanga quello tradizionale di MS 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Solve : *
30 − 28 =


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
 
%d bloggers like this: